Eventi a Vigevano:

Dal 21-03-2024 al 21-04-2024
IMMAGINARE IL MUSEO
Dal 06-04-2024 al 18-05-2024
FREEDOM – Cambio Spazio
Dal 06-04-2024 al 28-04-2024
"FIAT LUX" - vespri d'organo e canto per il tempo pasquale - prima edizione
Dal 10-04-2024 al 21-04-2024
COM'ERI VESTITA?
Dal 12-04-2024 al 26-04-2024
FREEDOM - CAMBIO SPAZIO: tre lezioni/dibattito

Vedi tutti

Grazie a

Cerca nel sito

Cerca telefono

cognome o nome azienda

Videonews


28/02/2024 18:04
Un’altra scuola chiusa per maltempo, a ventiquattro ore di distanza. Stavolta è accaduto nella sede centrale del liceo Omodeo di Mortara, dove nella mattinata di mercoledì l’istituto è stato chiuso. Colpa di un guasto alla centrale termica dell’edificio, causato da un blackout elettrico, che ha lasciato la scuola per alcune ore senza corrente e riscaldamento.
Disagi che hanno costretto la dirigenza scolastica a lasciare a casa circa 400 studenti che frequentano il liceo di Mortara. In precedenza era accaduto all’istituto tecnico superiore Caramuel di Vigevano, in cui le lezioni sono state sospese nelle giornate di martedì e mercoledì, lasciando a casa oltre 850 alunni.
Mercoledì mattina, una volta avvertiti dei guasti che hanno provocato allagamenti nei corridoi e nelle aule dell’istituto Omodeo, sono intervenuti i tecnici della Provincia di Pavia, l’ente competente sulla gestione delle scuole superiori.
Come ha fatto sapere la dirigenza scolastica dell’istituto, il guasto alla centrale termica che alimenta l’edificio è stato riparato. Quindi gli studenti possono tornare tra i banchi di scuola già nella giornata di giovedì, quando dovrebbero rientrare anche gli alunni dell’Itis Caramuel di Vigevano, in cui si erano registrati danni dopo l’esondazione della roggia di via Cararola, conosciuta come “Naviglietto Saporiti”.
Come ha spiegato il preside Matteo Loria, le aule e i corridoi sono stati ripuliti dall’acqua esondata all’interno dell’istituto nella notte tra lunedì e martedì. La scuola può quindi tornare agibile, sebbene rimangano ancora diversi danni.
Resteranno infatti inagibili i laboratori di meccanica, per cui va monitorato lo stato dei macchinari. Inoltre vanno sostituiti i cavi elettrici malfunzionanti dopo l’esondazione del “Naviglietto Saporiti”.
Danni anche all’archivio seminterrato, dove tutto il materiale presente, tra cui vecchi diplomi e documenti di studenti e docenti, è andato distrutto e non si può più recuperare. Un ulteriore disagio per la scuola che dovrà denunciare all’Archivio di Stato tutto quanto è andato perso nell’esondazione.